Il paradiso dei gatti

Nel paradiso dei gatti c’è tutto quello che serve.

fotografia gattiNel paradiso dei gatti le macchine si sono fermate da poco, e gli angoli delle strade hanno cofani caldi per le notti più fredde. Si muovono solo di notte, le macchine nel paradiso dei gatti, o di norma si muovono quando non c’è nessuno per strada. Per non disturbare.

Nel paradiso dei gatti ci sono esseri umani, è giusto così. Perché ai gatti servono esseri umani che gli ricordino costantemente quanto è bello essere un gatto, e soprattutto quanto è più bello esserlo in mezzo a persone che gatti non sono.

Nel paradiso dei gatti non ci sono cani grossi. Ci sono solo cani piccoli che scappano dai gatti ogni volta che questi l’inseguono: di fatto, il paradiso dei gatti da sempre è l’inferno dei cani, è qualcosa di karmico. Sicuramente ci sarà un paradiso dei cani, ma questo non sarà l’inferno dei gatti, e si scoprirà in seguito anche il perché.

Nel paradiso dei gatti non ci sono domestici né randagi, né castrati né sterilizzati. Nel paradiso dei gatti questi sono soltanto “gatti”, ed è la forma migliore di libertà che si possa desiderare per un felino, non aver nessun aggettivo che possa sporcarne la perfezione del nome.

Nel paradiso dei gatti ci sono case piene di scatole e di gattaiole, che un gatto che sta nel paradiso dei gatti deve avere il diritto di grattare e miagolare per farsi aprire la porta per puro dispetto, e mai per reale necessità. La necessità nel paradiso dei gatti non sta di casa, c’è solo la voglia, il divertimento, e l’indolente regalità di essere se stessi.

Gli uomini nel paradiso dei gatti sono tutti calmi, nessuno grida e nessuno alza la voce. Hanno il tono perfetto per stare in compagnia dei gatti, e sanno sedersi nella maniera migliore per farsi poltrone, e conoscono il punto segreto alla base della coda per far impazzire di felicità ogni felino. Hanno braccia piene di graffi, ma non perché hanno sbagliato qualcosa, ma perché non c’è bisogno per un gatto di dare spiegazioni, se si vuole fare qualcosa.

Ci sono anche veterinari nel paradiso dei gatti, ma non lavorano mai. Ci sono perché in fondo i veterinari amano i gatti più degli altri animali, e loro lo sanno, e quindi gli concedono uno spazio speciale nella loro casa, per tutte le volte in cui sono stati gli unici a salvare una vita che nessun altro voleva.

Non ci sono animalisti nel paradiso dei gatti, perché gli gatti non amano la gente che alza la voce, e perché i gatti sono predatori, e cercare di trasformare in vegetariani dei carnivori fatti è finiti è il purgatorio dei gatti, non certo ne è il paradiso. Per gli animalisti difatti l’inferno è sapere che non avranno mai posto nel paradiso dei gatti, continuando così.

Nel paradiso dei gatti c’è ogni felino che di notte è rimasto solo, che ha trovato riparo sotto una macchina, che non ha avuto l’affetto di qualcuno per ricordarsi che non serve a niente essere gatto senza avere la possibilità di mostrarlo al mondo. Ci sono i figli senza una madre, ci sono i randagi ammalati, ci sono i gatti che sono stati trovati un momento troppo tardi, e quelli che non hanno avuto abbastanza vite da offrire ai giorni che gliele hanno volute strappare.

Nel paradiso dei gatti c’è anche ogni gatto che è stato amato, che è stato salvato ed accudito, ci sono i gatti di razza ed i gatti il cui pedigree è una lista d’incontri talmente tanto al buio che neanche i loro occhi di gatto possono attraversarlo, ci sono quelli che hanno trovato un padrone che alzava la voce e quelli che hanno trovato un padrone che ha saputo abbassarla. Ci sono quelli che hanno avuto una vita lunga, e quelli di pochi mesi.

Nel paradiso dei gatti di sicuro ci saranno anche quelli che abbiamo avuto e che ci siamo sempre domandati che fine avessero fatto. Ora si sa, e quindi di sicuro staranno meglio di noi, ed allora va bene così, si ricacciano le lacrime e si pensa a quanto loro in fondo siano consci che nel paradiso dei gatti si sta molto meglio che in quello degli uomini.

Ah, sì, l’inferno dei gatti è essere uomini allergici al pelo dei gatti ed incapaci di amarli, perché non conosceranno mai la gioia che vuol dire averne uno.

Galleria
Gatti

Condividi se ti è piaciuto! Grazie! :-)Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrShare on LinkedInShare on StumbleUpon
Il paradiso dei gatti ultima modifica: 2015-02-20T14:50:51+00:00 da nunphotography

lascia un commento

Your email address will not be published.